il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forum per gli insegnanti
 FORUM PER INSEGNANTI E MAESTRE
 pareri e consigli per un buon lavoro
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

metaforina
Piccoloscrittore appena arrivato


3 Messaggi

Inserito il - 23/01/2006 :  21:04:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ciao a Georg e a tutti! Ho scovato questo sito dopo giorni di ricerca e lo trovo bellissimo! Il forum è davvero interessante!
Approfitterei per chiedervi davvero un consiglio importante affinché un lavoro che ho in cantiere e che mi entusiasma molto possa rivelarsi ancora migliore e positivamente produttivo.
Sono laureata in Filosofia e con una mia collega stiamo scrivendo un progetto da proporre nelle scuole elementari (III, IV e V) di Filosofia per/con i bambini, volto allo scopo di promuovere e sollecitare il pensiero creativo e logico-critico nei bambini, in vista di uno sviluppo più consapevole e maggiormente formativo tanto quanto studenti quanto esseri pensanti nel mondo e nella civiltà...che miri ad un'educazione civile e democratica nel loro confuso tempo.
Sono una studiosa di Jerome Bruner e per tanto vorrei condurre questo progetto sulla sua linea di pensiero che apprezzo molto, intesa tanto in senso culturalista quanto costruttivo-narrativo, ovvero ponendo un'attenzione particolare sull'importanza dello sviluppo del pensiero narrativo nella costruzione del senso del proprio esserci nel mondo, dell'identità e dell' alterità, come elemento ineludibile alla convivenza civile e responsabile.
Altro riferimento sarà fatto al curricolo della Phylosophy for children di Lipman, già sperimentata nel nostro paese, ma non vorremmo vincolarci troppo a questo curricolo: il nostro proposito sarebbe quello di calare quanto più possibile l'idea nel contesto pratico del bambino, osservando le sue esigenze e i suoi interessi, calandoli nell'oggi, nel contesto storico-culturale e sociale nel quale agisce, ovvero rispettando anche le spontanee attitudini che nella comunità di ricerca della classe possano emergere, seguendo e supervisionando la loro spontanea ricerca. Utilizzando sempre metodologie di maieutica, brainstorming e del dialogo critico e democratico, vorremmo toccare un pò tante tematiche a loro care e vicine, in modo giocoso e filosofico, partendo dai Perchè più comuni e costanti, passando per il senso filosofico dei principi importanti quali la conoscenza, il dialogo, il senso dell'esistenza, il gioco, l'amore, l'amicizia, il rispetto, la curiosità per il mondo esterno e quello interiore, sino a toccare tematiche attuali quali la guerra, la tecnologia, la natura ecc...col desiderio di culminare magari con una produzione narrativa di loro pugno e mente, come la scrittura di una storia da loro creata che inglobi in sè tanto il meccanismo filosofico quanto quello narrativo, volto a suggellare l'acquisizione delle loro capacità.
Insomma, questa è l'idea, ancora troppo euforica e fresca per focalizzare lucidamente tutti i punti, e per questo vi sarei grata se voleste darmi dei consigli, o delle indicazioni bibliografiche, insomma qualcosa che canalizzi un po' il mio entusiasmo in pratica!
In un secondo momento vorremmo estendere la cosa alle scuole medie, sullo stile di "Pensare il mondo", ma per i piccini i contenuti di quel tipo di programma sono troppo grandi per la loro portata...
Un' ultima domanda, di ordine più pratico, rivolta a chi ha già operato con progetti esterni nelle scuole, riguarda al durata di un progetto del genere: quanto credete debba prevedere un modulo del genere? qualcuno mi ha parlato di un max di 30 ore per i progetti esterni, mi sapete dire qualcosa in più?Io ora come ora non saprei regolarmi in termini di ore...
Vi ringrazio in anticipo per l'attenzione, e mando un grosso abbraccio a tutti
Marta

metaforina
Piccoloscrittore appena arrivato


3 Messaggi

Inserito il - 25/01/2006 :  14:26:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
nessun commento?!! Signor Georgeeee! :-(
Torna all'inizio della Pagina

admin
Forum Admin


846 Messaggi

Inserito il - 25/01/2006 :  16:18:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Gentile Marta,

ho aspettato qualche giorno per rispondere alla Sua lettera, sia perché sto traslocando e lavorando e scrivendo due libri contemporaneamente, sia perché volevo prima rileggere con attenzione quanto ha scritto per capire meglio contenuto e domande.
Allora:
- complimenti per l'idea di far partire un progetto di filosofia con e per bambini! Non può che farmi piacere quando un insegnante si mette in dubbio e in prima linea, non succede molto spesso.
- il grosso dubbio che mi assale, rileggendo bene la Sua lettera, è: ha letto il mio libro? Credo proprio di no, perché altrimenti non avrebbe poi posta l'ultima Sua domanda sulla bibliografia e non avrebbe dubbi sull'attuazione del "mio" percorso alle Medie.
Il sottotitolo di "Pensare un mondo" è: "un percorso di filosofia per le scuole Elementari e Medie."
Nel forum dei bambini, tra l'altro (non mi ricordo se "scrivi allo scrittore" o "storie dei bambini", ma basta cercare un po') troverà testimonianze di una classe Quarte delle Elementari di Torino di due anni fa, dove la maestra aveva tenuto un certo numero di incontri e ore basati sul testo. E vedrà quello che hanno prodotto i bambini della Quarta elementare (e potrà immaginarsi che quello che hanno scritto, ovviamente, è solo la punta dell'iceberg!).
Il testo, anche se completo nel suo percorso storico-filosofico, è stato scritto proprio tenendo in mente i bambini delle Quarte e Quinte elementari e quelli delle Medie. Solo il capitolo quinto è decisamente "alto", e questo l'abbiamo sottolineato nella nota didattica per le insegnanti. Altro punto importante è la possibilità di utilizzare solo qualche capitolo del testo, per esempio 1 - 3 (dalle origini), approfondendo con calma ed attenzione i temi toccati, mentre la seconda metà del libro può anche non essere trattato affatto. Abbiamo scritto, nella nota didattica, che anche il cap. 6 potrebbe essere un valido punto d'arrivo, trattando la felicità. Ma non è nè vincolante, né necessario.
- il mio testo include una lunghissima bibliografia ragionata, sulla quale abbiamo lavorato in tre per svariati giorni, proprio per dare questo "servizio" agli insegnanti che sono alla ricerca di approfondimenti dei vari temi.
Credo che in un progetto come il Suo, la principale attenzione debba essere quella di rimanere "facile" ed "essenziale" senza correre il rischio di risultare troppo difficile o incomprensibile. Direi, come norma, di fare continuamente riferimento ad esempi basilari con i bambini, traendo spunti dalla vita quotidiani o dalle mille domande basilari che i bambini piccoli si pongono con tanta freschezza quotidianamente (e che poi noi adulti e insegnanti riusciamo a fare loro passare al più tardi alle Elementari rispondendo male o senza prenderci il tempo per pensare veramente a cosa stia sotto ciascuna di quelle domande).

Ecco, in breve, una risposta alle Sue domande.
Mi tiene al corrente del Suo progetto?
Grazie e buon lavoro

Georg
Torna all'inizio della Pagina

metaforina
Piccoloscrittore appena arrivato


3 Messaggi

Inserito il - 26/01/2006 :  23:30:46  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Georg,

anzitutto ti prego di darmi del tu! Ho 26 anni non sono ancora un'insegnante e se anche lo fossi pretenderei comunque il tu! al massimo dovrei essere io a dare del lei a te, spero di non essermi arrogata un diritto illegittimo!
Ti ringrazio molto per la tua esauriente risposta e per il tempo che mi hai dedicato.
Sto scrutando attentamente tutto il forum per avere maggior materiale e testimonianze possibile per una buona documentazione...l'esperienza è fondamentale.
Di "Pensare un mondo" avevo letto solo l'introduzione quella scaricata da internet, ammetto.. poco per poter dare un giudizio complessivo. Trovo il testo eccezionale, nel pensiero, nell'idea, nella struttura, nell'ironia e nella metodologia. Durante tutti gli anni dell'università avevo pensato (ma solo pensato!) di scrivere un libro di filosofia per bambini, e con soddisfazione vedo nel vostro lavoro davvero un ottimo impegno, per cui...complimentissimi. Mi incuriosisce tanto anche quello di scrittura creativa ma...andiamo per gradi adesso! se no il caos diventa davvero insostenibile!
Dicevo, mi piace molto il libro, solo che a prima lettura mi sembrava più idoneo per un pubblico di ragazzini un po' più formati e coscienti, se così si può dire, dei pulcini delle elementari, ma ieri dopo la lettera l'ho riletto con attenzione: certo, lo trovo ancora ottimo per le medie, ma utile anche per elementari se ben guidato e, come mi suggerivi, selezionandone dei capitoli. Magari ad un bimbo di III, ometterei senza dramma termini come l'"archè" , ma senza precludere la possibilità del suo utilizzo, qualora la conversazione ne consentisse una morbida introduzione. Scopo del laboratorio che ho in mente non è una storia della filosofia per fanciulli, ma un'educazione allo sviluppo del pensiero e alla riflessione,una sorta di filosofia propedeutica in vista di un approccio più concreto nelle classi superiori. Ma non è neanche nostra intenzione escludere temi, concetti e termini importanti propri della filosofia, quali ad esempio principio, conoscenza, filosofo, filosofia, elemento e via dicendo...insomma, l'idea che ho in mente vorrebbe essere un collage tra le storie ad input di Lipman, schede di esercitazione e discussione dei suoi manuali, il Tuo libro e annessi giochi e dialoghi, figurazione delle idee attraverso disegni, utilizzo di articoli di giornale o qualunque materiale possa introdurr e un'idea di dibattito e riflessione,partendo anche dal quotidiano, o meglio ancora, dagli stessi suggerimenti dei bambini, il tutto per culminare in un elaborato, scritto e figurato, che raccolga le idee e una storia filosofica dei bambini.
Ovvio che ti terrò al corrente del progetto, sarà un piacere e un onore condividere quest'esperienza, passo passo, sopratutto con la speranza che non si creino ostacoli per questi maledetti finanziamenti.
Ovviamente non vedo l'ora di avere "Pensare il mondo" tra le mani per poterlo studiare per bene,anche perché...maledetta introduzione, è così coinvolgente...e poi finisce d'un botto!! (invio mail , ho capito! )
Intanto un caro saluto e buon lavoro-scrittura- trasloco e quant'altro!
Baci
Marta

Torna all'inizio della Pagina

admin
Forum Admin


846 Messaggi

Inserito il - 28/01/2006 :  01:35:06  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cara Marta,

grazie per la bella lettera di spiegazione e per i complimenti. Quando avrai letto il libro sono certo che avrai altre cose da dire, suggerimenti da dare ecc.
Per darti un'idea di un corso di filosofia con bambini, sono andato a ripescare la discussione della Vittorino da Feltre:
http://www.piccoliscrittori.it/forumita/topic.asp?TOPIC_ID=51
Così non devi andare a leggere 7 pagine di 50 discussioni ciascuna, perché era scivolata molto indietro. Sono certo che rimarrai stupita della qualità degli elaborati dei bambini.
Che dire? Buona fortuna per il bel progetto.
Ci sentiamo presto, magari anche qui in questa discussione,

Georg
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini. © 2003 Georg Maag Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03