il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forum per gli insegnanti
 FORUM PER INSEGNANTI E MAESTRE
 tesi su Philosophy for children scuola infanzia
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Barbarella
Piccoloscrittore appena arrivato


2 Messaggi

Inserito il - 08/10/2007 :  10:48:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
bUon giorno a tutti,
sono una studentessa in scienze dell'educazione che sta preparando la tesi di laurea su P4C nella scuola dell'Infanzia.
Avrei bisogno di materiale su questa esperienza in varie scuole dell'infanzia. Ho trovato menzionato un lavoro di Filomena Cinus su C'era una volta Socrate, Irre Sardegna 2002-2003. QUalcuno mi può aiutare a recuperare tale documento o altri del genere.
VI ringrazio in anticipo,
Saluti, Barbarella

Matt 75
Gran Capo tra i piccoliscrittori


2198 Messaggi

Inserito il - 08/10/2007 :  13:29:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Non ho capiot molto della tua richiesta... Avresti bisogni di materiale su "Phliosophy for children"??
Tieni, io ho trovato questo sito, guarda se è quello che cercavi...

http://www.swif.uniba.it/lei/scuola/children.htm
Torna all'inizio della Pagina

Georg Maag
Georg


1479 Messaggi

Inserito il - 10/10/2007 :  12:31:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Gentile Barbarella,
in questo sito ci stiamo per ovvie ragioni concentrando piuttosto sul testo "Pensare un mondo", nato per essere un approccio decisamente diverso alla filosofia per bambini di quello di cui Lei si occupa nella Sua tesi di laurea.
Anzi, questo me lo permetterà di dire, "Pensare un mondo" vuol anche essere una metodologia più "europea", meno rigida, meno incanalata intellettualmente di quanto sia P4C, sicuramente molto americana e inquadrata. Volevamo dare la possibilità ai bambini di trovare loro stessi, le loro ansie, i loro pensieri, le loro domande e gioie in un libro che lascia spazio alle interpretazioni singole.
Dunque si tratta di due metodi decisamente diversi. P4C è ritornata in auge, ed è famosa in mezzo mondo, la nostra è piccola e semi-sconosciuta. Ecco perché forse su questo sito non troverà molte risposte alle Sue domande.
Rimando però la Sua attenzione a due discussioni inserite in questo sito, dove un professore di filosofia dell'Università di Torino ha lasciato gentilmente molte testimonianze dei lavori svolti durante un corso: http://www.piccoliscrittori.it/forumita/topic.asp?TOPIC_ID=1232
http://www.piccoliscrittori.it/forumita/topic.asp?TOPIC_ID=1181
Potrebbe contattare il professor Calliero (c'è la possibilità di mandare eMail direttamente tramite le nickname) o di lasciare qualche domanda rivolta a lui direttamente qui, nella "Sua" discussione (Soluzione che preferirei per l'interesse del sito). Sicuramente Le risponderà.
Buona fortuna,

Georg Maag
Torna all'inizio della Pagina

Barbarella
Piccoloscrittore appena arrivato


2 Messaggi

Inserito il - 10/10/2007 :  14:26:28  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Grazie mille per la sua risposta, Georg. Cercherò di contattare ilprof. Calliero usando questo sito e avere da lui qualche suggerimento. Ha ragione per la rigidità di P4C, ma nell'ultima edizione di "Educare al pensiero" di Lipmann sono state apportate degli aggiornamenti, come il capitolo dedicato al pensiero caring ed emotivo. Noi alla scuola dell'infanzia (con i ns. grandi pensatori di 5 anni) non applichiamo alla lettera le regole di P4C, le adottiamo al contesto e alla situazione. E le regole o meglio come gestire la discussione è organizzata dai bambini. Ci sono anche tanti giochi per coinvolgerli come pure i disegni, la musica ecc.
Potrei vedere con il mio tutor la possibilità di inserire una citazione e una presentazione di questa esperienza europea....
Vorrei leggere volentieri il suo libro. Lo cercherò in libreria.
Grazie e a presto, Barbarella.
Torna all'inizio della Pagina

Georg Maag
Georg


1479 Messaggi

Inserito il - 10/10/2007 :  17:56:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Grazie per la velocissima risposta, mi fa piacere se farà leggere un eventuale scambio di informazioni tra Lei ed il prof. Calliero su queste pagine, sarò utile anche ad altre persone.
Il libro "Pensare un mondo" è praticamente inesistente nelle librerie. Solo pochissime, e quasi tutte a Torino o vicino a Bassano del Grappa, dove eravamo invitati dal gruppo di Counselling familiare, da parte del prof. Zonta. Se lo desidera ricevere, mi scriva una mail privata, e Le rispondo come riceverlo a casa in pochi giorni.
Mi farebbe anche piacere se Lei lo facesse conoscere al Suo prof, con il quale darà la tesi. Non avendo un distributore, è difficile farsi conoscere. Vedrà quanto diverso è l'approcio della materia verso le necessità dei bambini!
A sentirci presto,
Georg Maag
Torna all'inizio della Pagina

clod
piccoloscrittore impegnato


66 Messaggi

Inserito il - 12/10/2007 :  12:03:33  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Georg e gentile Barbarella,
mi fa piacere che si sia riaccesa una discussione sulla filosofia per bambini. Approfitto per dare anch'io un'opinione. Visto che l'attività filosofica con i bambini sta riscuotendo sempre più interesse credo sarebbe il caso di sciogliere definitivamente un equivoco: la filosofia con i bambini non è la Philosophy for children. Si può fare filosofia con i piccoli in vari modi; uno di questi è quello proposto da Lipman con i testi di P4C. Questa proposta è la più ampia, strutturata, diffusa e sperimentata tra quelle esistenti, ma non certo l'unica. Pur essendo nata negli anni Settanta non è neanche la prima: c'erano già esperienze precedenti in ambito tedesco (da cui la Kinderphilosophie). Recentemente poi sono fiorite interessanti proposte alternative alla P4C... anche se occorre dire che alcune sono un po' estemporanee e improvvisate.
Io personalmente stimo Lipman. Innanzitutto perchè un professore accademico di filosofia che abbandona la cattedra per scommettere tutto sui bambini credo sia da ammirare. Inoltre la sua teorizzazione della "comunità di ricerca filosofica" è molto argomentata e approfondita. Dal punto di vista pratico ritengo i manuali di P4C eccessivamente abbondanti e "disordinati"... su 10 esercizi sono 1 o 2 quelli che si possono realmente impiegare coi bambini. Comunque con pazienza si trovano attività interessanti. Il punto più debole del curricolo di Lipman riguarda, secondo me, la parte narrativa: i racconti non sono avvincenti e non coinvolgono emotivamente i bambini. Lipman giustifica i motivi delle sue scelte, rimane però il fatto che non ha talento narrativo e, per quanto si impegni, non sa toccare le corde giuste coi bambini.
In questo trovo invece veramente straordinario "Pensare un mondo", perchè sa coniugare una parte narrativa divertente e coinvolgente a proposte didattiche originali e di immediato utilizzo. Per quanto riguarda la "rigidità", i fautori della P4C direbbero che è più rigido "Pensare un mondo" perchè fornisce un percorso lineare in qualche modo prestabilito, mentre il curricolo di Lipman lascia aperte contemporaneamente molte strade tra le quali sono i piccoli filosofi a scegliere il loro percorso... ma questo ci porterebbe su una discussione complicata.
Per tornare al punto, credo sia importante dare il giusto merito alla P4C, ma per il bene della "filosofia coi bambini" in senso ampio, sono convinto si debba dare risalto alle proposte "divergenti" o alternative.
Se Georg fosse meno "anarchico" e si piegasse un po' di più alle logiche del sistema non sarebbe difficile trovare un editore importante per "Pensare un mondo". Potrebbe ampliarlo, ridefinirlo, strutturarlo in volumetti per le diverse classi di elementari e medie... credo avrebbe molto successo. Ma credo anche che a Georg non interessi, quindi ripongo le mie speranze.
Io, quando ne ho occasione, promuovo sempre "Pensare un mondo". Se anche Barbarella e gli altri visitatori del sito fanno altrettanto, qualche bel risultato lo si raggiunge ugualmente, magari non tanto di "quantità", ma di "qualità"... e forse ha ragione Georg: è meglio così.
Un caro saluto.
Claudio

Modificato da - clod in data 12/10/2007 12:05:05
Torna all'inizio della Pagina

Matt 75
Gran Capo tra i piccoliscrittori


2198 Messaggi

Inserito il - 05/11/2007 :  13:44:57  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Scusate se mi intrometto in questa discussione e in quest'area per gli adulti, ma non mi posso trattenere al quotare con clod.
Di "Pensare un mondo" personalmente ne ho letto solo l'introduzione e parte il primo capitolo (che si possono scaricare a questo link, come ho fatto io: http://www.piccoliscrittori.it/sez_lib/pensare.asp) e devo dire che mi ha colpito molto; a mio parere non è affatto da considerare un libro per soli bambini ma anzi, anche per gli adulti!
Nonostante, ad una prima lettura il linguaggio possa sembrare infantile e privo di significato, rileggendolo attentamente e ricavandone il succo del discorso, si trovano domande molto interessanti che riguardano anche gli adulti.
Ora, di qualcosa di Philosophy for Children non ho mai letto niente, ma ne ho sempre sentito parlare come dei racconti "freddi", che non riescano, come dice clod, a coinvolgere l'interessato, che sia bambino di 8 anni, ragazzo 16enne e adulto 40enne.
Già perché a mio parere, molto spesso si fa l'errore di far "sentire a proprio agio" con il modo di scrivere (e tante altre piccole cose) solo chi è considerato più piccolo, "inferiore".
Ma è sbagliatissimo!! A me personalmente è capitato di leggere libri che mi dicevano fossero adattissimi per un ragazzo della mia età, ma che poi andando a vederli non mi piacevano, perché non mi coinvolgevano, anzi, continuavano il loro lungo discorso senza mai far entrare nel contesto anche il lettore.
Ripeto, ho letto poco di "Pensare un mondo" e di P4C ne ho sentito soltanto parlare, ma a mio parere (e non parlo per simpatia verso Georg o altre cavolate simili) sarebbe più adatto, a qualsiasi pubblico sia diretto, "Pensare un mondo"
Torna all'inizio della Pagina

Georg Maag
Georg


1479 Messaggi

Inserito il - 29/01/2009 :  07:06:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Mi sarebbe piaciuto ricevere da Barbarella un piccolo resoconto finale della sua tesi!
Come è andata? Trovato tutto?
E, più importante ancora... trovato un lavoro in una scuola?

Georg
Torna all'inizio della Pagina

gab
Piccoloscrittore appena arrivato


1 Messaggi

Inserito il - 25/03/2009 :  20:02:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Salve a tutti,

sono una insegnante di scuola primaria, sto preparando la mia tesi di laurea(Scienze dell'educazione e della formazione uni.TorVergata Roma) su "l'insegnamento della filosofia nella scuola primaria"

Ho trovato molto materiale in rete ma avrei bisogno di alcuni suggerimenti per pianificare ed orientare in modo originale la mia tesi……. Se il Prof. Calliero mi potesse aiutare, se avesse una proposta, un suggerimento sarei ben lieta di accoglierli.

A proposito del libro “Pensare un mondo” nonostante l’abbia letto da diversi mesi non riesco ad archiviarlo nella mia libreria….. lo trovo sempre per casa….. così lo sfoglio, lo leggo e lo rileggo….. devo dire con molto piacere……. questa è la cosa che più mi affascina di questo piccolo grande libro!

Un caro saluto a presto

gab

Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini. © 2003 Georg Maag Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03