il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forum dei bambini
 Piccoliscrittori: i nostri racconti
 Uno strano amore
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

ericuccia
piccolissimo scrittore


15 Messaggi

Inserito il - 14/09/2008 :  21:19:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
C'era una volta una bambina a cui piaceva tanto sognare. Passava intere ore ad immaginare le cose più belle che la vita potesse offrirle...Quando viaggiava con la sua fantasia si sentiva libera come un gabbiano...era l'unico momento in cui non sentiva più i rumori dei pensieri brutti che rovinano la felicità e non pensava più ai problemi che rendevano la sua vita complicata.
Questa bambina si sentiva piccola e fragile in confronto a questo mondo tanto grande e brutto che riserva spesso brutte sorprese.
Ma anche le bambine timide e sensibili crescono...forse con un pò più di difficoltà rispetto ai bambini furbi e sicuri di sè.
Il tempo passò velocemente e da bambina si ritrovò di già ragazzina, ma nella crescita però non perse la capacità di sognare, di liberarsi dai pensieri cupi anche solo per un pò, anche solo per immaginare, per sperare una vita più bella.
Una bella sera la principessa incontrò un principe, il suo principe...un ragazzo che era diverso dagli altri, un ragazzo a cui piacevano le cose che piacevano a lei...un ragazzo che, stranamente, la capiva.
La principessa viveva felicemente la sua favola...però non tutte le fiabe hanno un lieto fine. La principessa si sentiva amata però lei non era capace di amare come lui, aveva paura di quei sentimenti così forti...in un certo senso la facevano stare male.
I giorni caldi d'estate scorrevano veloci ed un giorno la principessa fece una cosa che ferì molto il principe...agì d'impulso, cosa che a volte è la soluzione migliore per cercare di non soffrire.
La principessa in una manciata di minuti rovinò il suo bel sogno, la sua favola. Spiegò al bel principe che non se la sentiva di continuare la sua storia perchè c'erano troppi ostacoli...eh sì, anche nelle fiabe a volte ci sono degli ostacoli.
Il giovane principino si sentì ferito, forse anche un pò deluso...ma la principessa sapeva bene cosa provasse, e si sentiva terribilmente in colpa.
Vi chiederete, ma questa principessa è pazza? Beh sì, forse un pò lo è. Certe volte non sa neanche lei cosa vuole.
Non è passato molto tempo dal gesto folle che fece ma per lei sembrava un'eternità.Le giornate pian piano diventavano sempre più lunghe e buie...la tristezza si faceva sentire sempre più nelle fredde notti malinconiche e lei si sentiva sola, terribilmente sola perchè non aveva più il suo principe accanto che la consolava quando aveva dei problemi, che l'ascoltava nei suoi lunghi discorsi apparentemente noiosi e senza senso.
La bimba spensierata di un tempo era tanto triste perchè più passava il tempo e più la vita non le piaceva. Si chiedeva ma che senso ha? Tanto un giorno tutti dovremo morire...ma la cosa peggiore è che prima di morire dovremo soffrire. Molte persone si aggrappano alla speranza che dopo la morte ci sia un'altra vita ma alla principessa quest'idea non convinceva molto perchè se esistesse davvero un qualcosa sarebbe assurdo che da lassù non facesse niente per aiutare le persone che si sentono insicure e tristi.
Che cosa strana...la favola dei due innamorati è finita...è finita in un modo in'aspettato, ma se guardò lassù vedo ancora la luce intensa di quello sguardo che mi vuole bene, e...sapete una cosa? Anche io voglio bene a lui.
Ops ho parlato in prima persona? Eh sì, avete scoperto il mistero. Questa non è una favola qualunque, è la mia favola.


adele
Gran Capo tra i piccoliscrittori


1350 Messaggi

Inserito il - 15/09/2008 :  13:58:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Dunque... è una bella storia (bella... oddio... è tristissima... ma è molto bella come idea da narrare...).
E' anche scritta abbastanza bene, però permettimi di dire alcune cose.
Innanzi tutto, di punto in bianco la "bambina" diventa "principessa"... mmm... questa cosa non è molto convincente... Avresti potuto scrivere all'inzio "c'era una volta una bambina e bla bla bla" e poi aggiungere "la cosa strana del suo comportamento era che non aveva motivo di sentirsi così perchè era una principessa servita da tutti col mondo ai suoi piedi" o qualcosa del genere, e diventava più credibile.
Poi... da quel che mi pare di capire (anche da titolo "un amore strano") è una storia basata più sui SENTIMENTI che sulla trama in genere... ma ai sentimenti, a mio parere, non è stata data ampia spiegazione... nella parte in cui lei si accorge di non riuscire ad amare davvero come lui... liquidi tutto in due tre frasi e avresti potuto svilupparlo meglio, tanto più che si parla di te stessa e quello che hai provato lo sai bene.

Ultima cosa...

ARGH!! SONO LETTERALMENTE INORRIDITA!!
Nel 7° rigo tu scrivi:

"[...] MA nella crescita PERò"

ARGH!! MA PERò???

P.S. Comunque tutto ciò che ho detto sopra si annulla nella considerazione del fatto che è una storia personale, probabilmente anche molto dolorosa, e che quindi per scriverla serva una notevole forza d'animo e capisco (vai nella discussione sulle autobiografie in il nostro mondo e capirai) capisco bene che gli errori siano ammissibili perchè magari si è più interessati ad evitare che il cuore ci scoppi addosso.
Ma il "ma però" non lo posso proprio tollerare!!

Adele
Torna all'inizio della Pagina

Matt 75
Gran Capo tra i piccoliscrittori


2198 Messaggi

Inserito il - 15/09/2008 :  14:23:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
...Passò tanto tempo dall'ultima volta che si sentirono, ne passò veramente tanto, il principe, dopo un periodo di tristezza, decise che non si poteva sempre stare in questo stato, che la principessa non ne sarebbe stata contenta e che se doveva trovare la forza di ricominciare (come sperava avrebbe fatto lei) era solo per lei.
Così il principe decise che bisognava alzarsi in piedi, che non si può stare sempre in ginocchio, ed era sicuro che anche lei avrebbe fatto lo stesso. Il principe quindi si sdraiò sul divano, rifletté un po', poi prese un foglietto, ci scrisse "Ti amo" e poi lo strappò. Aveva deciso che "Ti Amo" per lei non lo avrebe scritto da nessuna parte, non ce n'era bisogno, perché lei nel suo cuore e il suo principe nel suo lo avrebbero sempre saputo.
Il principe trovò la forza di ricominciare dopo quel brutto colpo, trovò la forza di andare avanti, di non cadere di nuovo, perché sapeva che lei voleva che lui non stesse male per lei. Lei lo voleva e lui lo avrebbe fatto.
Ne è passato di tempo da quando la principessa e il principe hanno smesso di parlarsi, il principe intanto è riuscito ad innamorarsi di nuovo, è riuscito a conservare di lei un ricordo splendido, è riuscito ad arrivare al suo primo giorno di scuola domandandosi: "Ma lei cosa starà facendo? Come le sta andando la scuola?", è riuscito in tutto ciò. E' riuscito a mantenerla sempre dentro al suo cuore come quella splendida persona che ricordava.
Poi un giorno, il principe vide che la principessa c'era ancora, che la principessa era ancora presente, era tornata a farsi sentire, il principe era davvero felicissimo. Lesse ciò che aveva scritto tutto d'un fiato, fu felicissimo di constatare che anche lei lo cercava ancora, lo desiderava ancora, anche solo come amico, come una presenza che ti conforta quando ne hai bisogno, come era successo a lui. Il principe lesse, però, che la favola della principessa era incompleta... Mancava qualcosa, un pezzo... Prese allora la sua tastiera ed iniziò a scriverle, a scriverle quanto le era mancata in tutto quel tempo, quanto era felice di sentire che lei non lo aveva dimenticato. Al principe scese anche qualche lacrima, che gli riscaldò il viso in quella grigia e fredda giornata.
Il principe mentre faceva tutto ciò, aveva una canzone sotto, una canzone della quale, quando lei avrebbe letto il titolo, le sarebbero tornare in mente tante cose. Il titolo della canzone era "Love of my Life" dei Queen, e il principe, sopra quelle note delicate, sopra la voce dolce e calda, si rese conto di quanto voleva risentirla, di quanto voleva parlarle di nuovo, di quanto avrebbe voluto parlarle di nuovo, dopo tanto, troppo tempo.
Il principe le scrisse che avrebbe voluto esserle vicino, e che voleva continuare a farlo come era successo per tutto quel tempo.
Il principe scrisse, le scrisse questa lettera di risposta veramente felice, e quando stava per concluderla si rese conto che stava sorridendo: quella lettera aveva risvegliato tutto il bene che le aveva sempre voluto, e sperava che ora anche lei avrebbe risposto di nuovo. Il principe stava per concludere quando, sorridendo, si rese conto che aveva messo su un'altra canzone che si adattava molto a quella situazione. Sempre dei Queen, "Friends Will Be Friends".
Il principe sorrise e pensò che anche nell'oscurità più buia, nel buio più intenso, beh, anche lì, c'è sempre un raggio di luce, un raggio di sole, pronto ad uscire fuori e riscaldarti quando meno te lo aspetti. E pensò che in quel momento quella metafora si addiceva perfettamente al suo stato d'animo.


...Non mi sono dimenticato di te


Torna all'inizio della Pagina

adele
Gran Capo tra i piccoliscrittori


1350 Messaggi

Inserito il - 15/09/2008 :  14:52:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
oooooooooooooooooooooooooooo!!
che cosa beeeeeeeeeeeeeeeeeeellaaaaaaaaaaaaaaaa!!
vi ritrovate sul foruuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuum!!
In diretta, gli ex fidanzati che diventano amiciiiiiiiiiiiii!!
Che bello che bello che bello!!
I prodigi della letteratura!
Le strade della scrittura sono infinite!!
Matt, mi è venuto da piangere a me leggendo quello che hai scritto!!!


Quando risolvete voglio i DETTAGLI di questa vostra storia!!

ooooo che cosa bella!!

Scusate la mia invadenza, ma adoro queste cose romantikevolizzime... e adoro questa malinconia dolcissima che accompagna ogni storia finita e ogni voglia di ricominciare!!
ghghghgh!!

Adele
Torna all'inizio della Pagina

ericuccia
piccolissimo scrittore


15 Messaggi

Inserito il - 15/09/2008 :  17:45:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
matt mi fai piangere :(
che strana coincidenza mentre stavo leggendo il tuo commento c'era come sottofondo love of my life...non so se chiamarla coincidenza...a dire il vero ce ne sono state troppe in questo periodo...ogni cosa mi ricordava te porca miseria! :@
grazie per tutte le cose belle che mi hai dato...
però questa cosa dell'"innamorarsi di nuovo" caro principino me la devi spiegare...eheh
Torna all'inizio della Pagina

ericuccia
piccolissimo scrittore


15 Messaggi

Inserito il - 15/09/2008 :  17:47:22  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
ah e per rispondere anche a adele...cavolo non l'avevo proprio letto il "ma però" che figura di cacca
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini. © 2003 Georg Maag Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03