il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 TEO CORRE VELOCE
 Romanzo (per ora inedito) di Georg Maag
 lodi e critiche 4C Vitt. da Feltre
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

paola
Georg


111 Messaggi

Inserito il - 04/03/2004 :  14:22:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Georg,
grazie per la tua risposta.Forse non ci siamo capiti, quando abbiamo parlato di preferenze sportive, facevamo riferimento alla frase che hai scritto nelle nella terza pagina della vesione stampabile
" mentre ancora seguivo Teo,con lo sguardo, ho visto sbucare tre ragazzi in via della Rocca
Tutti e tre in Jeans e maglietta con scarpe da tennis slacciate. Uno di loro, alto e con addosso la maglietta della Juve..... espressione da prepotente...."
Secondo noi si potrebbe creare un pregiudizio: Juve= cattivi.
Non si dovrebbe far riferimento ad alcuna squadra Si potrebbe caratterizzare i cattivi utilizzando un altro logo,non ti sembra?
Ciao
Alessio Sharon (nuovo aspirante al ruolodi "critico letterario" in erba)

jedi35
Piccoloscrittore appena arrivato


1 Messaggi

Inserito il - 06/03/2004 :  10:08:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ciao Georg,

anche io credo che il discorso della maglietta possa creare dei pregiudizi, mentre per il fumo no...in quanto caratterizza il personaggio...affaticato, sudato, un mucchio di libri da portare su e la sigaretta in bocca, magari la cenere che gli cade addosso o il fumo negli occhi e il poco fiato per raggiungere la mansarda!! Si addice ad un distrattone!! chissà perché ma ho la sensazione che sia molto autobiografica questa descrizione!!!!

Mi ha colpito il fatto del personaggio cattivo, del castello, del delirio di onnipotenza...ingredienti tipici di un cattivo nei racconti...perché gli editori sono così restii? Si tratta forse di questo periodo politico? Questo mondo è per i bambini e credo non ci debbano essere divieti se non per i plagi e condizionamenti...cosa c'è di così grave nel descrivere un personaggio cattivo nel modo che hai accennato? Io sono il primo disponibile a fare una colletta per l'eventuale autofinanziamento e spero che si rendano disponibili anche gli altri lettori... con stima
Torna all'inizio della Pagina

paola
Georg


111 Messaggi

Inserito il - 08/03/2004 :  12:30:18  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Georg,
noi rimaniamo della stessa opinione sul fumo. Dato che, se abbiamo capito esattamente , è un libro per ragazzi, a noi non interessa sapere proprio tutto di Carlo. Ci è piaciuto il pezzo in cui hai descritto Teo, che sembra essere il personaggio principale, mentre non abbiamo ancora capito che ruolo abbia il signore della mansarda. Siamo arrivati a leggere il 4 capitolo a continuiamo a pensare che ti "perdi" troppo nella descrizione di Carlo Forse ha un significato, ma leggendolo da bambini non riusciamo a capire quale sia.
La nostra lettura si sta facendo interessante , ma vorremmo sapere da te per te hanno importanza i nostri commenti, se ti possono essere utili.Noi vorremmo anche cambiare alcune frasi, ma non osiamo percheè non sappiamo se sei d'accordo.
Ciao
Alessio Sharon
Torna all'inizio della Pagina

Georg Maag
Georg


1479 Messaggi

Inserito il - 08/03/2004 :  14:41:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Managgia a voi!
Mi state dando addosso, vero? D'altronde me lo son voluto, e ora mi sento un po' come Topolino in Fantasia, nell'apprendista stregone, quando ha chiamato le scope e non riesce più a disfarsene. E voi mi state riempendo di catinelle d'acqua!
Ok, se posso, toglierò il fumo.
Ok, toglierò la maglietta della Juve (questa è difficile per me, ma tant'è...!).
Il "signore della mansarda", ossia Carlo, avrà una grande importanza nel romanzo. Non è affatto di cornice, ma svolge una funzione precisa, funzione che a mano a mano che avanza il libro diventerà sempre più chiara... e critica. Lui accompagna i bambini, per così dire, attraverso l'avventura, ma poi succederà un disastro e...
...eh! Volevate già sapere troppo?! Mi sono fermato in tempo.
Al gentile Jedi35 posso assicurare che ha capito benissimo, e che vedo le cose esattamente così, e anche che una grandisima casa Editrice di Milano mi ha risposto picche, credo, proprio per questa ragione.
Inutile dire che sono rimasto di sasso, ma su questo punto non discuterò con nessun Editore. La figura oscura sarà e rimmarrà così com'è. L'onnipotenza e la voglia di accentrare potere sono l'ingrediente principale di questo personaggio, e tutto il romanzo si baserà su questa sua caratteristica. (E poi, basta vedere la Cirio e la Parmalat per capire che avevo visto bene: l'inizio di Teo risale a 3 anni fa...)
Continuate così, datemi addosso!
Non me la prendo di certo, statene certi,
ciao
Georg

Modificato da - Georg Maag in data 20/03/2004 18:40:25
Torna all'inizio della Pagina

paola
Georg


111 Messaggi

Inserito il - 12/03/2004 :  14:24:37  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Georg,
volevo farti sapere che stiamo continuando a leggere Zanna Bianca
Abbiamo notato che in questo libro ci sono diversi cambi di scena: inizia con gli esploratori e l' accerchiamento del branco di lupi. La scena si sposta sul branco, dopo sul cucciolo...
Noi, abbiamo notato che anche il tuo libro sembra strutturato in ugual modo.
Pima parla di Carlo, succesivamente, la scena si sposta su Teo quindi ritorna Carlo poi a Berlino con la desrizione del "vicedirettore".
Ti sei ispirato a Zanna Bianca o a questo tipo di romanzo???!
Ciao
Alessio

Modificato da - paola in data 20/03/2004 14:57:09
Torna all'inizio della Pagina

Georg Maag
Georg


1479 Messaggi

Inserito il - 12/03/2004 :  16:35:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Alessio,
grazie per la tua lettera. Per dire il vero, non mi sono affatto ispirato a Zanna Bianca. E' un bellissimo libro, e di ampio respiro (che significa lungo e con molte scene e tanti personaggi), ma ci sono infiniti libri che utilizzano questa forma.
Ho un bel numero di personaggi anch'io, in "Teo". Alcuni sono principali, altri sono "di servizio", ossia: mi servono per far capire qualcosa al lettore, e non sempre voglio buttare nella mischia gli stessi personaggi principali. Così, per esempio, vi accorgete a mano a mano, grazie al signor Gauss, che qualcosa non quadra, che qualcosa puzza, che stanno succedendo strane cose, e non solo in Italia, ma anche in Germania. Questo, per esempio, è la funzione di Gauss. E poi, sia detto in parentesi, io adoro Gauss. Forse è il personaggio che più mi è riuscito da quando scrivo, anche se avrà soltanto 4 capitoli in tutto il libro. Lui è uscito dal nulla e si è insinuato nel mio cuore, poveretto. Ci sono alcuni dei miei amici - grandi - che lo adorano, e mi chiedono di scrivere un libro solo con Gauss...! Ma non si può fare.)
Conta comunque che il libro, alla fine, avrà circa 70 capitoli. Se non facessi cambi-scena, sarebbe noioso, non credi?
Spero di averti risposto,
buona lettura,
e buon divertimento
Georg
Torna all'inizio della Pagina

Rita
Piccoloscrittore appena arrivato


4 Messaggi

Inserito il - 23/05/2007 :  17:43:37  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ciao mi sono troppo appassionata a questa storia spero di poter leggere il continuo.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini. © 2003 Georg Maag Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03