il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini.
Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forum dei bambini
 Piccoliscrittori: i nostri racconti
 Le storie di Matt 75
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 3

Matt 75
Gran Capo tra i piccoliscrittori


2198 Messaggi

Inserito il - 04/09/2012 :  22:32:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La ragazza dal vestito blu si voltò, e il giorno non ebbe più lo stesso colore. La pallida luce del sole riempì il vuoto di quel mattino ancora spento, e con la stessa chiarezza con cui le onde luminose giungevano a rivelare le ombre, allo stesso modo quel sorriso si infilò nella sua anima. Contemplò estasiato la visione di quello sguardo fisso su di lui, e se da un lato percepì immediatamente l'immensa forza che esso riversava su di lui, dall'altro si sentì inquieto ed impreparato. Era come se una
vivida e recondita speranza da tempo celata nei suoi più intimi pensieri gli fosse apparsa davanti, cogliendolo però impreparato.
Tuttavia, nonostante ci, tutto apparve spontaneo e naturale, e con la naturalezza e la spontaneità vennero i sogni. Vennero le speranze, le paure, il futuro, vennero mille e più ritagli del proprio Io immerso nel calore del tempo, e ancora fotografie di sguardi e carezze che effimeri si confondevano tra passato e presente. Portò quindi gli occhi al fascio di luce che continuava a salire allo scorrer dei secondi, e finalmente capì: la ragazza dal vestito blu lo guardò ancora un attimo, quindi sorrise e si voltò con aria modesta ma sicura di sé. La guardò allontanarsi con quel suo fare lesto e determinato, e non poté fare a meno di sorridere. Così, con l'animo che pareva ora rasserenato, si fermò un attimo ancora e guardò in avanti: vide nuvole scure e montagne ignote all'orizzonte, dalle quali, tuttavia, trapelava lontana ma splendente una piccola luce. Si alzò in piedi, diede una rapida occhiata dietro di sé e incise nel suo cuore ciò che vedeva: un paesaggio fatto di gioie e dolori, di abbracci e di pugni, lontano, vicino e tutti i sentimenti belli e brutti di questo
mondo che si mescolavano insieme e gli mostravano quella che era, appunto, la vita.
Sorrise ancora, quindi puntò il suo sguardo verso quella luce lontana e cominciò il suo viaggio.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
il sito della Scrittura Creativa e della filosofia per bambini. © 2003 Georg Maag Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03